Domande e risposte sull’inconscio

1) Cosa vuole il mio inconscio?
2) Come agisce e si manifesta?
3) E’ meglio assecondarlo o contrastarlo?
4) Posso cambiarlo?

Risposte:

1)
Il mio inconscio vuole che io faccia parte di una o più comunità con
forme, norme e valori compatibili con la mia personalità, in posizione
dignitosa, in cui sono accolto, rispettato, protetto, desiderato, amato,
dove posso comunicare, interagire, giocare, cooperare e avere rapporti
sessuali con altre persone senza riunciare alla mia libertà, senza
subire violenze e senza rischi.
2) Per raggiungere il suo
obiettivo l’inconscio mi spinge ad attuare una serie di strategie e
azioni socialmente rilevanti, più o meno coerenti, a volte
conflittuali, più o meno efficaci e a volte controproducenti. Esse si manifestano attraverso sentimenti, emozioni,
attrazioni, repulsioni, desideri e paure.
3) Se voglio star bene è necessario che io
assecondi selettivamente le richieste dell’inconscio scegliendo con
intelligenza le strategie e le azioni più utili e produttive, evitando
di mettere in atto quelle meno efficaci o controproducenti.
4) Non
posso cambiare il mio inconscio, ma posso conoscerlo meglio attraverso lo studio della psicologia e la psicoterapia, per servirlo
meglio. Tuttavia esso può cambiare spontaneamente come conseguenza di
nuove esperienze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *