I criteri del cosiddetto libero arbitrio

I criteri del cosiddetto libero arbitrio

L’uomo esercita il libero arbitrio (ammesso che questo non sia solo un’illusione) non casualmente ma secondo certi criteri (morali, utilitaristici, edonistici ecc.). Tali criteri costituiscono il “programma” che regola il comportamento dell’individuo. Sono criteri che non ha fissato lui. O meglio, quando gli capita di fissare dei criteri, lo fa non a caso, ma secondo certi criteri stabiliti da altri umani o dalla natura. Insomma, il nostro comportamento o è casuale, o rispetta certi criteri, cioè programmi che noi abbiamo scritto (consciamente o inconsciamente) seguendo criteri altrui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.