Limitare e limitarsi

Limitare e limitarsi

Come nessun altro animale, l’uomo è in grado di porre limiti alla libertà degli altri e di se stesso.

Porre limiti può essere un atto violento, per esempio quando consiste nell’imprigionare, nel reprimere, nell’impedire la soddisfazione di bisogni primari, ma, in una certa misura, in certi modi e a certi fini, può essere una pratica utile o indispensabile per il bene comune e quello individuale. Infatti una libertà illimitata è incompatibile col vivere civile e con la salute fisica e mentale del singolo.

Si tratta dunque di capire quali siano i limiti “giusti” (cioè non troppo ristretti e non troppo ampi) da porre a se stessi e agli altri per soddisfare al meglio i bisogni primari propri e altrui.

Dobbiamo allora capire a cosa ci conviene rinunciare per il nostro bene e quello altrui, ma pensare in questi termini è molto difficile da quando ci siamo liberati da religioni e dittature politiche, che erano gli enti deputati a fissare i nostri limiti. Infatti, le lotte per l’ateismo e la democrazia ci hanno sempre spinto verso una maggiore libertà. Non ci siamo accorti che di libertà ora ne abbiamo, pericolosamente, troppa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.