Sentimento di precarietà sociale

Fin da quando ero bambino, ho sempre avuto una sensazione di precarietà sociale, ovvero l’idea che, se gli altri sapessero cosa penso di loro e che sentimenti provo nei loro confronti, mi escluderebbero dalla loro cerchia.

Questa idea mi ha mantenuto in uno stato di allerta, e mi ha indotto ad offrire agli altri un’immagine accettabile (e a tale scopo mistificata) di me, dei miei sentimenti, delle mie idee, delle mie motivazioni, della mia storia e del mio comportamento abituale.

Questa mistificazione è stata, e continua ad essere, a sua volta, un’ulteriore fonte di apprensione per il rischio che venga scoperta.

Di conseguenza, tendo prudentemente a nascondere la parte più autentica di me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *