Sulla competizione tra l’inconscio e l’io cosciente, e tra il super-io e l’io antitetico

L’io cosciente rivendica autonomia rispetto all’inconscio, incluso il diritto di ignorarlo o di modificare le sue logiche e i suoi automatismi attraverso una psicoterapia, un’autoterapia o esercizi di autocontrollo o di libero arbitrio.

Entrambi vorrebbero infatti avere l’ultima parola nel dirigere il comportamento del soggetto.

Tuttavia l’inconscio non tollera che l’io cosciente cerchi di opporsi alle sue scelte e usa le sue armi (inibizioni, paure,  sentimenti dolorosi, disturbi psicosomatici ecc.) per neutralizzare le intrusioni del suo antagonista. 

Perciò, per evitare autopunizioni, all’io cosciente conviene procedere con moderazione contro il suo inconscio, non troppo spesso e a piccole dosi di autocontrollo. In altre parole, all’io cosciente conviene capire quando è il momento di smetterla con le richieste di cambiamento delle proprie abitudini di comportamento.

Infatti l’inconscio è più forte, più importante ed infinitamente più complesso dell’io cosciente nell’economia della vita e nella regolazione della soddisfazione dei bisogni del soggetto.

Oltre agli innumerevoli automatismi biologici di vario livello funzionale, l’inconscio contiene, come ci insegna Luigi Anepeta, due “motori”, o agenti mentali, di alto livello: il super-io e l’io antitetico. Le rispettive “politiche” sono strutturalmente in conflitto tra loro, e l’io cosciente si allea ora con l’uno, ora con l’altro.

Il super-io mira ad evitare l’isolamento sociale del soggetto e ad affermare la sua appartenenza ad una o più comunità, mente l’io antitetico mira a difenderne la libertà e l’individuazione contro qualsiasi costrizione e falsità culturale. Il super-io accetta gli altri come sono e tende ad imitarli, mentre l’io antitetico li critica e li sfida continuamente.

Il rapporto di forza tra i due agenti mentali varia da persona a persona e nel tempo in una stessa persona. L’io antitetico prevale (ma mai in modo definitivo) sul super-io in una minoranza di persone alle quali dobbiamo, più che ad altre, il progresso civile e l’evoluzione culturale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *