Sulla valutazione dei testi

Quando leggiamo un libro, un articolo di giornale o un post in un social network, ci poniamo inconsciamente domande come le seguenti:

  • questo testo mi riguarda / interessa?
  • le cose che il testo dice implicano che dovrei cambiare qualcosa nella mia vita?
  • questo testo conferma o smentisce le mie idee?
  • questo testo costituisce una critica (implicita o esplicita) al mio modo di essere o di comportarmi?
  • questo testo mi può aiutare a vivere meglio, a essere più felice?
  • questo testo mi può divertire / tranquillizzare / spaventare?
  • questo testo favorisce / contrasta i miei interessi?
  • mi conviene credere in ciò che questo testo dice?
  • cosa (non) mi conviene prendere in considerazione in questo testo?
  • l’autore del testo ha i titoli per parlare di ciò di cui parla?
  • l’autore del testo ha una buona reputazione?
  • c’è qualcosa di buono / di cattivo in questo testo?
  • che vantaggi/svantaggi potrei avere condividendo questo testo con con i miei conoscenti?
  • la conoscenza di questo testo può agevolare le mie interazioni con gli altri?
  • questo testo è utile/pericoloso per la società?

La valutazione del testo dipende dalle risposte a tali domande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *