Tecnologia e (in)felicità

Ormai la tecnologia non è più al servizio dell’umanità, ma di pochi uomini a svantaggio di molti. Basta pensare all’enorme disoccupazione che produce. Non soddisfa più i bisogni primari, ma quelli indotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.