Sul governo dei più intelligenti

Per “intelligenza” intendo la misura della capacità di governarsi e di governare al fine di soddisfare al meglio e in modo sostenibile i bisogni propri e altrui. In tal senso, ritengo che sarebbe opportuno che una nazione fosse governata, per il suo bene, da una gerarchia basata sull’intelligenza, ovvero una gerarchia dove i più intelligenti occupano le posizioni di responsabilità e di comando più alte in ogni istituzione e organizzazione pubblica.

Questa idea, tuttavia, non piace alle persone di intelligenza mediocre, le quali la contestano con argomenti a mio avviso pretestuosi, ma convincenti per le persone di un livello di intelligenza comparabile con il loro.

Uno di questi argomenti è che non ci sono criteri oggettivi per misurare l’intelligenza di una persona. Un altro argomento è che ci sono tanti tipi di intelligenza, e uno può avere un’intelligenza alta di un certo tipo e bassa di un altro tipo.

Pertanto per la maggior parte della gente di oggi è giusto che governino coloro che sono preferiti dal maggior numero di persone, indipendentemente dal loro livello di intelligenza (di qualunque tipo essa sia).

Un’altra conseguenza di tale diffuso modo di pensare è che gli studi sull’intelligenza sono mal visti in quanto sospettati di intenzioni razziste e autoritarie.

Insomma, quello dell’intelligenza è un tema impopolare, con l’eccezione della cosiddetta “intelligenza emotiva”, in cui possono eccellere anche persone con bassi livelli di intelligenze di altri tipi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *