Conscio e inconscio

L’inconscio freudiano è un concetto molto limitato. Oggi c’è una tendenza a considerare inconscio tutto ciò che è meccanico, automatico, non consapevole e involontario, quindi ben oltre ciò che è “priobito” o “vergognoso”. In pratica è inconscio tutto il corpo e tutta la mente, tutta l’attività neurale ad eccezione di una piccola parte che è l’io cosciente. Ritengo l’inconscio freudiano un’idea ancora valida, ma non dobbiamo fermarci lì. Insomma, la faccenda in un certo senso si semplifica perché si può dividere (ma non separare) la persona, ovvero l’organismo, in due parti: quella conscia e quella inconscia, laddove quella inconscia è tutto l’organismo meno la parte conscia. Ovviamente le due parti interagiscono tra loro. A sua volta, l’inconscio è costituito da parti che interagiscono tra loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *