Ancora sul libero arbitrio

A mio parere, il libero arbitrio consiste nella capacità di scegliere tra queste due opzioni:

  1. scegliere liberamente cosa fare e cosa non fare;
  2. obbedire a comandi esterni e/o interni che ci chiedono o ci impongono di fare o non fare certe cose.

Resta da capire chi è il soggetto della scelta. Infatti, se una persona è vista come “in-dividuo”, cioè  non divisibile in parti, allora il soggetto è la persona indivisa; se invece una persona è vista come composta da parti che interagiscono (tra cui, ad esempio, l’io cosciente e l’inconscio), allora il soggetto è indefinito, dato che la coscienza e la volontà che caratterizzano l’io cosciente sono influenzate dall’inconscio. In altre parole, il soggetto potrebbe essere (e io credo che sia) l’inconscio, a cui l’io cosciente obbedisce inconsciamente, cioè a sua insaputa.

In ogni caso, le scelte (consce o inconsce) più importanti di una persona riguardano le risposte a domande come le seguenti:

  • Scegliere o obbedire?
  • A chi/cosa obbedire?
  • A chi/cosa non obbedire?
  • Perché interagire?
  • Perché non interagire?
  • Come interagire?
  • Come non interagire?
  • Con chi/cosa interagire?
  • Con chi/cosa non interagire?
  • Cosa mi conviene fare per migliorare i miei rapporti con gli altri?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *