Sull’effetto placebo

Sull’effetto placebo vi propongo una parziale e ipotetica spiegazione di tipo fisiologico.

Una malattia fisica in un essere umano produce due tipi di danni: uno fisico (dovuto alla malattia stessa) e uno mentale, nel senso che l’essere umano (a differenza degli altri animali) quando si ammala è normalmente cosciente della malattia e questa consapevolezza può comportare la paura di non guarire, o di un aggravamento della malattia stessa.

A differenza delle paure negli animali, che sono normalmente di breve durata e si risolvono in un attacco o una fuga, nell’uomo le paure possono essere molto durature in quanto basate sulla previsione cosciente o inconscia di sciagure future, specialmente se non chiaramente definite.

Come tutti sanno, una paura, ansia, angoscia o panico causati da una “informazione” (infatti la previsione di una sciagura è una sorta di informazione cognitiva) può avere effetti fisici, come, ad esempio, l’innalzamento della pressione arteriosa, della frequenza cardiaca e di chissà quali altri fenomeni fisologici, e comportare un deperimento corporale, un consumo di energie e di sostanze nutritive e immunitarie che, oltre a causare stanchezza fisica e mentale, possono indebolire o inibire le difese immunitarie e i mezzi di autoguarigione di cui il corpo dispone.

Se ciò è vero, un placebo percepito come una reale medicina con buone probabilità di guarire da una certa malattia, ha sicuramente un effetto rassicurante, rasserenante, e quindi può ridurre o eliminare la paura di non guarire, paura che, per i motivi suddetti, può ostacolare o impedire la guarigione. Di conseguenza un placebo può davvero avere un effetto terapeutico “fisico” per nulla misterioso pur non avendo alcun principio attivo chimico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *