Sull’uso smodato di superlativi

Siamo così prodighi di superlativi, che, ad esempio, “caro” è diventato più forte di “carissimo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *