Passato, presente, futuro: in cosa consistono?

Quando comunichiamo, usiamo disinvoltamente verbi in cui ci riferiamo al passato, al presente e al futuro, come se questi concetti fossero chiari, ovvi e condivisi da tutti. In effetti non ho mai assistito ad un dibattito sulla definizione di questi termini.

Confesso di non conoscere le principali teorie e spiegazioni riguardanti il tempo, che alcuni filosofi e fisici ci hanno fornito. So soltanto che il tempo non è assoluto, ma relativo allo spazio, così come questo è relativo al tempo, per cui dovremmo a rigore parlare sempre di spazio-tempo. Per di più, è accertato che la durata del tempo dipende dalla velocità in cui ci si muove, a causa del fatto che non c’è nulla che possa viaggiare ad una velocità superiore ad un certo limite, che è quello della luce. Tuttavia per quanto riguarda la nostra vita pratica, la nostra mente percepisce sia il tempo che lo spazio come entità assolute, indipendenti e lineari.

Credo pertanto che per un non specialista sia utile discutere del tempo, ovvero dei tempi passato, presente e futuro, in senso psicologico più che fisico.

Il tempo è importante soprattutto per stabilire i rapporti di causa-effetto, in quanto la causa precede l’effetto nel tempo. In tal senso possiamo dire che ciò che avviene nel presente è causato da ciò che è avvenuto in passato, e ciò che esiste o avviene nel presente è causa di ciò che avverrà nel futuro. fatto salvo ciò che avviene totalmente o parzialmente per caso.

Detto ciò, mi pongo alcune domande: 

  • Cosa contengono per ognuno di noi, rispettivamente, il passato, il presente e il futuro?
  • Da dove proviene il contenuto dei tre tempi?
  • Quanto siamo obiettivi e sinceri nel rievocare il nostro passato?
  • Rievocare certe esperienze può essere tanto doloroso da indurci a rimuoverle dalla memoria?
  • Quando possiamo “archiviare” definitivamente un’esperienza come passata, cioè non più attiva e attuale?
  • È possibile distinguere nettamente passato, presente e futuro?
  • Quanto dura il presente?
  • Il presente esiste o è solo il confine tra passato e futuro?
  • In che misura  il passato di una persona influenza il suo futuro?
  • In che misura il futuro (immaginario) di una persona influenza il suo presente e il suo passato?
  • In che misura il nostro futuro dipende dalla nostra volontà?
  • Cosa ci insegna il passato?

Non ho le risposte, ma uso queste domande come stimoli per riflettere sul nostro rapporto con il tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *