Utilità e funzionalità

Quando parliamo di utilità, riferendoci sia a cose che a persone, intendiamo normalmente (e giustamente) la capacità e la disponibilità (di una certa cosa o persona) di servire ad uno scopo, di soddisfare un bisogno o di recare un vantaggio, a favore di qualcuno.

Se ci si limita a una tale definizione, a mio avviso si trascura il fatto che una cosa o persona possa essere utile ad un’altra persona (il beneficiario) non solo o non tanto in quanto portatrice di vantaggi o servizi per il beneficiario, ma in quanto avente una certa funzione in un sistema (in senso ecologico e/o cibernetico) nel quale il beneficiario vive e di cui ha bisogno per vivere.

La funzione così intesa costituisce dunque un’utilità indiretta, la cui importanza potrebbe essere decisiva per il sistema e quindi per il bene del suo beneficiario o utente, specialmente quando il beneficiario o utente è parte del sistema stesso.

Questa riflessione, che nasce da una visione ecologica e sistemica della vita, della natura  della società, dovrebbe indurci a ritenere utili tante cose che a prima vista non ci sembrano tali, solo perché non ci “servono” direttamente, ma lo sono in quanto hanno una funzione nel sistema da cui la nostra vita dipende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *